Lavorare come telefoniste a domicilio

 
 

Con il passare degli anni il mondo del lavoro appare inesorabilmente in continua evoluzione. Professioni che sembravano eterne stanno cominciando ad accusare i segni del tempo e della loro inadeguatezza di fonte ai mutamenti di mercato mentre si stanno imponendo nuove forme di lavoro e nuovi metodi per concludere affari.

Nuove terminologie si fanno largo fra gli utenti; molte aziende hanno sperimentato con successo forme di telelavoro che vengono apprezzate anche dai lavoratori che riescono ad organizzare in misura più efficiente le ore della propria giornata garantendo una migliore produttività.

Negli ultimi dieci anni ha riscosso grande consenso fra i brand aziendali più conosciuti il telemarketing che, nonostante talune critiche per un uso non professionale dello stesso, rimane comunque uno strumento assai interessante per concludere affari in modo assolutamente alternativo.

Cerchiamo, allora, di scendere maggiormente nel dettaglio e scoprire come funziona il telemarketing, quali sono le sue attività principali, quali sono gli scopi che si prefigge e gli innegabili vantaggi che propone.

 
 
Cos’è il telemarketing e come funziona

Il telemarketing è una professione relativamente nuova sul mercato del lavoro che consiste in attività di marketing svolte esclusivamente via telefono.

Gli operatori del settore lavorano generalmente in call center oppure da casa ed espletano la loro attività contattando telefonicamente potenziali clienti con lo scopo di far conoscere loro un determinato brand aziendale oppure un certo tipo di prodotti.

Lo scopo della telefonata è quello di stabilire un contatto positivo con un potenziale acquirente in modo da fissare un successivo appuntamento con un addetto alle vendite al quale spetterà il compito di concludere il contratto vero e proprio.

Tutte le attività che, al contrario, mirano alla vendita di un prodotto o servizio via cavo sono invece da ricomprendere nel gruppo più di teleselling.

Gli operatori telefonici contattano la clientela sulla base di apposite liste elaborate dalla casa madre in base a potenziali esigenze e nel pieno rispetto delle indicazioni sulla privacy rilasciate dalla clientela stessa.

Operando in tal modo, naturalmente, le probabilità di addivenire ad una conclusione positiva (fissare un appuntamento con un venditore) aumentano notevolmente.

 
Le attività di telemarketing possono essere distinte in:

1. Attività outbound
2. Attività inbound

Nel primo caso è l’operatore telefonico a svolgere la propria attività promozionale mediante telefonate mirate; nel secondo caso, invece, è il cliente a contattare l’azienda mediante, solitamente, un numero verde ed è compito dell’interlocutore telefonico conferire al contatto una dimensione commerciale.

Le potenzialità del telemarketing sono innumerevoli; le aziende che vi si affidano, in effetti, hanno la possibilità di mantenersi costantemente aggiornati sui bisogni della propria clientela mediante ricerche di mercato implicite e hanno la possibilità di aumentare la propria visibilità con costi contenuti rispetto a campagne pubblicitarie vere e proprie.

Le attività svolte tramite telemarketing, inoltre, sono recepite, in via generale, positivamente anche dagli operatori che ricevono solitamente un compenso costituito da una quota fissa e da una componente provvigionale in relazione ai risultati conseguiti.



Se le potenzialità sono unanimemente riconosciute, è anche necessario rilevare come il telemarketing sia stato accompagnato sovente da una sorta di scetticismo diffuso per lo più dovuto ad un utilizzo approssimativo dello strumento (approccio relazionale ed empatico non adeguato) oppure in relazione a prodotti non riconosciuti di buon livello qualitativo.

Per sfruttare appieno le possibilità offerte dal telemarketing, è indispensabile un approccio corretto ed efficace al mezzo.

 
Vediamo nel dettaglio quale consiglio per rendere efficace un contatto telefonico.

 
Prepararsi alla telefonata

In via generale un contatto telefonico affinché sia efficace e produttivo, è necessario che sia poco prolisso ed accuratamente preparato.

In primo luogo, come telefonista, ti consiglio di curare i dettagli dell’approccio; documentati sul nome del tuo interlocutore e, se possibile, sul suo titolo di studio; un errore iniziale pregiudica l’andamento generale della conversazione.

Di primaria importanza è il tono generale della telefonata che deve essere semplice, accattivante e non eccessivamente insistente. Se, possibile, cerca di limitare i rumori di sottofondo tipici dei grossi call center che hanno un effetto irritante nell’interlocutore telefonico.

Non eccedere nei dettagli tecnici dell’offerta o del servizio offerto poiché non è tuo compito farlo e rischia di apparire noioso ed eccessivamente commerciale; se possibile, cerca di personalizzare la telefonata dando valore al cliente.

Ricordati che il tuo scopo è fissare un incontro nel quale un addetto alle vendite potrà, eventualmente, concludere un contratto; non fermarti alla prima obiezione, cerca di creare un’empatia immediata e lascia decidere al cliente il giorno e l’orario preferito per la visita.

Se riesci, fatti lasciare un numero di cellulare o un indirizzo e mail al quale fa riferimento per la conferma dell’appuntamento qualche giorno prima.

 
 
Lavorare come centralinista: quanto si guadagna?

Generalmente il guadagno è commisurato al numero di appuntamenti o richieste che hanno avuto successo.

Il tipo di guadagno può variare in base alle esigenze della società che offre il lavoro; alcune preferiscono un contratto con retribuzione fissa, part-time o full-time, ma in questo caso spesso si richiede la presenza in azienda, altre permettono amplia libertà di orari lasciando al lavoratore la possibilità di lavorare anche da casa purchè sia in grado di portare a termine determinati obbiettivi.

 
 
Come si trova lavoro?

Oltre alle agenzie interinali, è possibile sfruttare internet facendo molta attenzione agli annunci.

Una realtà senza dubbio seria è la rete Linkedin che racchiude candidati e aziende offerenti proponendo contratti di assunzione e collaborazioni a distanza per telefoniste call center.

Prova a verificare gli annunci presenti a questo indirizzo e, se hai un profilo Linkedin, utilizzalo per candidarti per una o più società. Se otterrai una risposta, potrai valutare le condizioni lavorative.

Molte donne disoccupate o che svolgono un lavoro part-time scelgono di intraprendere un’attività di telefonista da casa per avere un reddito extra riuscendo comunque a occuparsi della propria famiglia e della gestione dei figli.

 
 

Potrebbero interessarti anche...